Palazzone: il grechetto di Orvieto tra futuro e tradizione

di Antonio Di Spirito

Attraverso Ulisse, Dante ci raccomandò: “Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza“.
Però bisogna ricordarsi sempre da dove si viene ed il proprio passato per apprezzare meglio i risultati raggiunti.
Nel 1969 la famiglia Dubini acquistò una proprietà in quel di Rocca di Ripesena, vicino Orvieto, con annesso un caseggiato in rovina; fu, poi, interamente restaurato rispettando l’originaria architettura, soprattutto per gli esterni, e trasformandolo in un accogliente ed elegante relais resort, con arredi curati e completi di ogni comfort. Furono impiantati 25 ettari di vigneti e, nel 1988, iniziò la costruzione di una moderna cantina, abbandonando, così, la vecchia cantina, che era stata ricavata, chissà in quale secolo del passato, in una vecchia tomba etrusca scavata nel tufo, sotto un castagneto: temperatura costantemente fresca ed umidità, ideale per la conservazione del vino.

Continua a leggere